Gli straordinari Giardini Botanici di Villa Taranto

I Giardini Botanici di Villa Taranto si trovano sulla sponda occidentale del Lago Maggiore, a Pallanza. L’immenso parco di 16 ettari è costituito da ben  20.000 piante di particolare valenza botanica e circa 1.000 piante non autoctone. Il visitatore non può che rimanere incantato da questi giardini: si possono qui ammirare alcune specie rare come le grandi ninfee Victoria cruziana (coltivate in specifiche serre tropicali) o “perdersi” nella bellezza del Labirinto delle Dahlie con le sue 1700 piante in fioritura.

 La Storia dei Giardini Botanici di Villa Taranto

 

 

“Un bel giardino non ha bisogno di essere grande, ma deve    essere la realizzazione del vostro sogno anche se è largo un paio di metri quadrati e si trova su un balcone”Capitano Neil Mc Eacharn

 

 

I giardini di villa Taranto nascono grazie alla passione botanica del capitano scozzese Neil Boyd Watson McEacharn, militare britannico. Nel 1931 il capitano McEacharn, innamorato dell’Italia, comprò la proprietà dalla Marchesa di Sant’Elia. Era dal 1928 che il Capitano cercava un terreno adatto da acquistare per trasformarlo in un sontuoso giardino. Furono qui importate migliaia di piante da diverse parti del mondo e molti furono i lavori di scavo e costruzione: dall’impianto d’irrigazione (che pompa l’acqua direttamente dal Lago) alla realizzazione dei meravigliosi “Giardini Terrazzati”. Fu proprio McEacharn a dare alla sua “creazione” botanica il nome di Villa Taranto, per omaggiare un suo antenato, il Maresciallo McDonald, nominato da Napoleone Duca di Taranto.

Un visita ai Giardini Botanici

Oltre ad essere un gran conoscitore della botanica e uomo dotato di un ottimo gusto estetico, il Capitano Neil McEacharn è stato anche un uomo generoso. Infatti egli donò la proprietà allo Stato Italiano chiedendo che il suo lavoro perdurasse nel tempo. Dal 1952,  i Giardini Botanici di Villa Taranto sono aperti al pubblico, da Aprile ad Ottobre e contano 150.000 visitatori l’anno. Ciò che ancora oggi affascina ed incanta i visitatori, è questo continuo susseguirsi di piante e rare specie botaniche e quei colori che cambiano ad ogni stagione creando ad ogni angolo suggestioni naturali sempre diverse ad ogni mese – proprio come il “Capitano” aveva richiesto-. E’ possibile visitare anche l’interessante erbario del Capitano Neil Mc Eacharn e il suo Mausoleo. Non è invece possibile accedere alla Villa che oggi è la sede della Prefettura della nuova Provincia del Verbano – Cusio – Ossola.

Contatti Utili

ENTE GIARDINI BOTANICI VILLA TARANTO – Via Vittorio Veneto 111, 28922 Verbania Pallanza (VB) – Tel. +39 0323 556667 – Biglietteria +39 0323 404555 – web: www.villataranto.it

Photos Credit: @ ENTE GIARDINI BOTANICI VILLA TARANTO  – www.villataranto.it

Rebecca Pedrazzi
Classe 1982, laureata in Storia e Critica dell’Arte presso l’Università degli Studi di Milano con la tesi “Il Mercato dell’Arte nel decennio 1998-2008”. Dopo la laurea viaggia in Europa e si trasferisce a Londra. Rientrata a Milano, la sua città natale, lavora come Art-Advisor e commerciale nel settore Luxory. Ha collaborato con diverse testate, online e cartacee, con articoli di approfondimento sull’arte. Dopo aver conseguito il patentino da giornalista pubblicista, fonda nel 2017 NotiziArte, website di notizie d’arte e cultura.

Gli Angeli e i cherubini nell’Arte: cinque dipinti da Giotto a Caravaggio

Creature divine, messaggeri della parola di Dio, figure celestiali alate. La parola "Angelo" deriva dal latino angelus e anticamente dalla parola greca ἄγγελος: messo, servitore, messaggero. La...

27 ottobre 1923 nasceva Roy Lichtenstein: tra Pop Art e Ben-Day dots

“Il mio lavoro non riguarda la forma. Si tratta di vedere. Sono entusiasta di vedere le cose, e mi interessa il modo in cui pensi che le...

5 dipinti famosi realizzati con un solo colore: il trionfo del monocromo

Il monocromo: l’annullamento della figura Il monocromo è uno dei grandi temi della pittura del Novecento. Verso una dimensione dove le immagini vanno via via...

5 dipinti inquietanti e “mostruosi” della Storia dell’Arte

I dipinti Inquietanti della storia dell'arte Nella storia dell'Arte troviamo infiniti dipinti inquietanti che rappresentano scene spaventose e mostruose. Il tema dell'orrore, della paura, dell'ansia...

Tre dipinti famosi di Salvador Dalí: tra sogno e memoria

1 - Salvador Dalí, The Persistence of Memory, 1931 La persistenza della memoria (La persistència de la memòria) è un dipinto surrealista di Salvador Dalí, olio su tela, 24×33...

Yayoi Kusama. Alla scoperta di un’artista poliedrica: tra pois, arte e sogni

Eccentrica, camaleontica, colorata, creativa, innovativa. Questi cinque aggettivi ci aiutano ad introdurre una grande artista del Novecento: Yayoi Kusama. “Io converto l’energia della vita nei...