Procida: la capitale Italiana della Cultura 2020

È Procida la capitale italiana della cultura per il 2022. Lo ha comunicato in diretta tramite la piattaforma zoom il ministro per i beni e le attività culturali e per il turismo, Dario Franceschini al termine della selezione svolta da una giuria di esperti presieduta dal prof. Stefano Baia Curioni. “Complimenti a Procida che ci accompagnerà nell’anno della ripartenza e della rinascita” ha dichiarato il ministro Franceschini.

Per vedere le presentazioni delle altre città in corsa per il titolo di Capitale italiana della cultura 2022, oltre a Procida –> https://notiziarte.com/2021/01/16/capitale-cultura-2022-lunedi-la-proclamazione-della-citta-vincitrice/

Le motivazioni della Giuria lette dal Ministro

Il progetto culturale presenta elementi di attrattività e qualità di livello eccellente. Il contesto di sostegni locali e regionali pubblici e privati è ben strutturato, la dimensione patrimoniale e paesaggistica del luogo è straordinaria, la dimensione laboratoriale, che comprende aspetti sociali e di diffusione tecnologica è dedicata alle isole tirreniche, ma è rilevante per tutte le realtà delle piccole isole mediterranee. Il progetto potrebbe determinare, grazie alla combinazione di questi fattori, un’autentica discontinuità nel territorio e rappresentare un modello per i processi sostenibili di sviluppo a base culturale delle realtà isolane e costiere del paese. Il progetto è inoltre capace di trasmettere un messaggio poetico, una visione della cultura, che dalla piccola realtà dell’isola si estende come un augurio per tutti noi, al paese, nei mesi che ci attendono. La capitale italiana della cultura 2022 è Procida”.

La parola al Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo, Anna Laura Orrico

Complimenti a Procida, proclamata Capitale italiana della Cultura 2022, con un progetto ricco di spunti sociali e finalizzato a massimizzare il potenziale di rigenerazione che solo la cultura può offrire“. Lo scrive su Facebook il Sottosegretario del Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo, Anna Laura Orrico. “Una capitale per un anno importante – aggiunge – in cui potremo pienamente ripartire lasciandoci alle spalle l’emergenza covid19. Una capitale significativa: un’isola del Mezzogiorno, perché la valorizzazione di tutti i territori è il fattore vincente dell’Italia che vogliamo costruire. Un’Italia più inclusiva ed equa, che generi ricchezza sociale e non solo economica e che metta al centro i temi dell’uguaglianza e della redistribuzione. Complimenti anche agli altri partecipanti: ogni città e borgo ha proposto progetti qualitativi, a riprova di come si stia facendo un lavoro importante, di squadra, a livello di sistema Paese. Non ci resta che andare a scoprire o riscoprire Procida – conclude Orrico – con il suo unico patrimonio, con la sua variopinta edilizia mediterranea, con i suoi sapori e profumi, con il suo mare unico“.

 

Iscriviti alla nostra newsletter gratuita

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui