L’archeologo Zahi Hawass: alla scoperta della tomba di Cleopatra

Presso il Dipartimento Culture e Società dell’Università degli Studi di Palermo, il noto archeologo ed egittologo Zahi Hawass ha tenuto una interessantissima conferenza: “Recenti scoperte archeologiche nell’antico Egitto“. Secondo il famoso archeologo Hawass, con molta probabilità Cleopatra è stata seppellita insieme a Marco Antonio, suo grande amore. Non ci resta che aspettare fiduciosi (e speranzosi) che le ricerche vadano nella direzione giusta.

La tomba di Cleopatra

Zahi Hawass, dopo lunghi studi e ricerche, ha tenuto una conferenza (molto affollata) durante la quale ha reso pubbliche i suoi recenti studi e le sue ultime scoperte. Tema focale della conferenza è stato il luogo di sepoltura della regina d’Egitto per eccellenza: Cleopatra. Hawass ha dichiarato: «Sono molto vicino: penso davvero di averla individuata, sono sulla buona strada, ho grandi speranze di trovarla presto». Il Luogo di sepoltura sarebbe già stato individuato da un team di ricercatori e secondo le teorie del famoso archeologo, dovrebbe essere accanto a quella del suo amato Marco Antonio – in un luogo ben nascosto. Questa indubbiamente sarebbe una grandissima scoperta per la storia.

Le ricerche di Zahi Hawass

Zahi Hawass, ambasciatore dei beni culturali egiziani nel mondo, oltre ad aver parlato dei sui studi e ricerche sulla tomba di Cleopatra, ha presentato al pubblico anche le recenti scoperte archeologiche avvenute in Egitto (la necropoli di Minya, la tomba del sacerdote di Thot. a Sakkara), ed aggiornato i suoi recenti studi sulla ricerca della tomba di Alessandro il Grande.L’incontro è stato introdotto dai saluti istituzionali di Fabrizio Micari, Rettore dell’Università degli Studi di Palermo, di Sebastiano Tusa, Assessore regionale ai Beni Culturali, di Michele Cometa, Direttore del Dipartimento Culture e Società di UniPa, e di Chiara Portale, Coordinatore dei Corsi di Studio in Beni Culturali e Archeologia di UniPa.

L’iniziativa è stata organizzata dal Dipartimento Culture e Società di UniPa, da BCsicilia e dalla Regione Siciliana.

Photo Credit: Cleopatra VII in marmo – © Metropolitan Museum of Art, New York (part.)

Rebecca Pedrazzi
Classe 1982, laureata in Storia e Critica dell’Arte presso l’Università degli Studi di Milano con la tesi “Il Mercato dell’Arte nel decennio 1998-2008”. Dopo la laurea viaggia in Europa e si trasferisce a Londra. Rientrata a Milano, la sua città natale, lavora come Art-Advisor e commerciale nel settore Luxory. Ha collaborato con diverse testate, online e cartacee, con articoli di approfondimento sull’arte. Dopo aver conseguito il patentino da giornalista pubblicista, fonda nel 2017 NotiziArte, website di notizie d’arte e cultura.

Lettura di un’opera: I coniugi Arnolfini di Jan van Eyck

Considerato uno dei capolavori dell'artista fiammingo, "Ritratto dei Coniugi Arnolfini" è un dipinto olio su tavola (81,80×59,40 cm), realizzato da Jan Van Eyck nel...

I bambini nell’Arte: 5 dipinti famosi da ammirare

Nella Storia dell'Arte, la rappresentazione dei bambini è sempre stato un tema molto caro per gli artisti. La loro spontaneità e naturalezza è stata...

Come il Coronavirus ha cambiato il modo di fruire l’Arte

Alcune riflessioni per indagare come l'arrivo del Coronavirus abbia cambiato - e continua a cambiare - la fruizione delle opere d'Arte. Il dibattito è...

Il manifesto del Futurismo di Filippo Tommaso Marinetti

Era il 20 febbraio 1909: il manifesto del Futurismo di Filippo Tommaso Marinetti fu pubblicato sul quotidiano francese  "Le Figaro".  Riportiamo qui sotto la traduzione...

Il cane nella storia dell’Arte. 8 opere: da Anubi a Picasso

Cani e Arte Il cane è l’animale più rappresentato nella Storia dell’Arte. La rappresentazione del migliore amico dell’uomo nell’arte ha origini antichissime: lo ritroviamo già...

Gli Artisti nei loro giardini: 3 opere d’Arte nel verde

Oggi vi proponiamo una passeggiata nel verde, alla scoperta di 3 giardini d'artista. A spasso con Kandinsky, Monet e Liebermann. I giardini privati Il giardino privato è sempre...