Meraviglie della Storia dell’Arte da scoprire: il Codex Rotundus

Nel periodo Medievale sono stati prodotti molti codici miniati e libri delle ore: alcuni di questi sono dei veri e propri gioielli da ammirare e sfogliare. Alcuni presentano delle peculiarità che li rendono unici al mondo: è il caso del prezioso “Codex Rotundus”.

Quella straordinaria forma a cerchio

Questo libro delle ore – periodo tardo medievale –  deve il suo nome attuale alla sua forma straordinaria a cerchio. Spettacolari e rare sono infatti le dimensioni del Codice: le 266 foglie di pergamena a forma circolare sono legate ad un blocco largo 3 cm e hanno un diametro di soli 9 cm. Il “Codex Rotundus” è stato redatto nel 1480 in latino e in francese. Purtroppo non si conosce il nome del suo autore ma solo il luogo dove è stato realizzato: Bruges. Possiamo certamente affermare che l’autore di questo Codex era un artista straordinario, in grado di dipingere illustrazioni di grande pregio su piccolissimi fogli.

Sfogliando il “Codex Rotundus”

Le illustrazioni sono artisticamente elaborate e originali: tre miniature a piena pagina e 30 iniziali con scene dell’Antico Testamento, la vita di Gesù e i santi accompagnano i testi di preghiera. Probabilmente il manoscritto fu creato nell’ambiente della corte ducale borgognona alla fine del XV secolo, che era allora considerato il centro dell’arte e della cultura contemporanea, e apparteneva ad Adolf von Kleve e Mark (1425-1492), a cui si riferiscono le iniziali della chiusura in metallo. Il nastro di copertura in legno unico in pelle rossa contiene tre miniature a piena pagina e 30 iniziali storiografiche straordinariamente artistiche.

Al momento il “Codex Rotundus”è conservato nella Biblioteca della Cattedrale di Hildesheim in Germania. Qui sotto alleghiamo il video pubblicato sul sito – è in tedesco – ma le immagini parlano da sole.

Photo Credit Copertina: © https://www.dombibliothek-hildesheim.de

Traffico illecito di opere d’arte. Tornano in Italia alcune opere trafugate

L'Italia è rientrata in possesso di alcuni reperti rubati tra gli anni '60 e gli anni '80. La cerimonia di restituzione ha avuto luogo...

La Camera dei Giganti a Palazzo Te: tra stupore e meraviglia

"Erano i Giganti grandi di statura, che da' lampi de' fólgori percossi ruinavano a terra... " Ci sono due parole che descrivono lo stato del visitatore...

Dal 5 al 10 Marzo i musei italiani statali sono gratis per tutti

Una settima di musei italiani statali accessibili gratuitamente grazie all'iniziativa promossa dal ministro dei beni culturali Alberto Bonisoli. Dal 5 al 10 marzo #SettimanaDeiMusei I...

La tavola Doria raffigurante la “Battaglia di Anghiari” al Castello di Poppi di...

Dal 7 luglio al 7 ottobre 2018, la famosa "Tavola Doria" sarà in mostra al Castello di Poppi con un allestimento dedicato ricco di...

La Madonna della melagrana di Botticelli: uno studio rivela un cuore nel dipinto

Il dipinto 'La Madonna della melagrana', realizzato nel 1487 circa da Sandro Botticelli è un capolavoro indiscusso della storia dell'Arte. Secondo studi recenti, il frutto...

Le nuove Candidature all’UNESCO: la Cappella degli Scrovegni e Padova Urbs Picta

E' stato presentato il progetto "Padova Urbs Picta" all'UNESCO per entrare nella ambitissima World Heritage List. Il circuito “Padova Urbs Picta” comprende la Cappella degli Scrovegni e altri...