Il Parco regionale del Beigua: tra i colori dell’autunno e i sentieri culturali

Nel periodo autunnale il Parco regionale del Beigua si colora dei caldi toni dell’Autunno regalando paesaggi e scorci che lasciano a bocca aperta per la loro bellezza. Per chi volesse fare una gita in questo parco meraviglioso, riconosciuto come sito UNESCO nel 2015, ci sono a disposizione diversi sentieri e percorsi: da quello naturalistico a quello archeologico.

Boschi in autunno (foto di G. Motta) @Parco Naturale Regionale del Beigua

Il Sentiero Archeologico

Per scoprire le bellezze di questo parco, si può scegliere tra tanti sentieri proposti. Noi vi proponiamo il  Sentiero Archeologico, alla scoperta delle rocce incise. Oltre ad essere un Parco da ammirare per la sua ricca flora e fauna, qui troviamo importanti testimonianze antiche, come le incisioni rupestri che ci mostrano le tracce di una storica presenza dell’uomo. Già nel 4700 a.C., il Geoparco del Beigua era frequentato dall’Uomo che qui creava le sue asce con le tipiche dure rocce di pietra verde. E qui troviamo ancora oggi le incisioni sulle rocce, probabilmente segni che rappresentavano allora le divinità delle cime montuose, fino alle croci e alle figure antropomorfiche.

Il sentiero dedicato all’archeologia, è un sentiero ad anello lungo 3km, percorribile in 2 ore in entrambe le direzioni – ed è situato nei pressi della Torbiera del Laione, in Comune di Sassello, tra Piampaludo e Pratorotondo. Il Parco del Beigua ha messo online un interessante libretto scaricabile gratuitamente per approfondire gli studi di questo percorso: clicca qui – per i più piccoli invece, non dimenticate di scaricare e stampare il taccuino dell’archeologoclicca qui

Incisioni rupestri – Foto @ PR Beigua

Il sentiero della Foresta della Deiva

Un altro sentiero che vi proponiamo, è quello della Foresta della Deiva: un percorso emozionante tra i colori dell’autunno e nella bellezza naturalistica di questo Parco. E’ un percorso facile ma lungo 13 km quindi calcolate 4 ore di percorso.  E’ un sentiero panoramico che si sviluppa su di una strada sterrata, e per arrivare da Albissola, si prende la Strada Provinciale SV334 “del Giovo”, sino al km 21 VI. Da li parte questo emozionante percorso tra le diverse formazioni boschive. Sul sentiero si incontra il Castello Bellavista e la Giumenta, un vecchio seccatoio per castagne in cui troviamo un percorso didattico sugli abitanti del bosco per i più piccini. E’ possibile qui incontrare uccelli tipici della zona come la cincia dal ciuffo, il luì bianco ed il cuculo.

Percorso: La foresta della Deiva -@Parco Naturale Regionale del Beigua

Il Parco Naturale del Beigua

Qualche importante informazione su questo splendido ed importante Parco. Il Parco regionale del Beigua è l‘area naturale protetta più vasta della Liguria. Il suo patrimonio geologico e naturalistico è davvero ricco e straordinario. Nel novembre 2015, è stato riconosciuto come sito UNESCO ed inserito nella prestigiosa lista dei Geoparchi Globali (UNESCO Global Geoparks). E’ un parco molto vasto: il Beigua Geopark si estende infatti per ben 39.230 ettari – coinvolgendo i comuni di: Arenzano, Campo Ligure, Cogoleto, Genova, Masone, Rossiglione, Sassello, Stella, Tiglieto e Varazze. Dal punto di vista della flora e della fauna: il Parco offre un’incredibile varietà di piante e specie: una diversità vegetazionale dovuta anche alle diversità dei territori e delle condizioni meteorologiche: dalle zone vicine al mare ai forti dislivelli altitudinali.

La faggeta (foto di PR Beigua) @Parco Naturale Regionale del Beigua

Molte sono le iniziative volte alla valorizzazione e conservazione di questo territorio e del suo patrimonio geologico. Per maggiori informazioni: visitare il sito ufficiale: http://www.parcobeigua.it

Rebecca Pedrazzi
Classe 1982, laureata in Storia e Critica dell’Arte presso l’Università degli Studi di Milano con la tesi “Il Mercato dell’Arte nel decennio 1998-2008”. Dopo la laurea viaggia in Europa e si trasferisce a Londra. Rientrata a Milano, la sua città natale, lavora come Art-Advisor e commerciale nel settore Luxory. Ha collaborato con diverse testate, online e cartacee, con articoli di approfondimento sull’arte. Dopo aver conseguito il patentino da giornalista pubblicista, fonda nel 2017 NotiziArte, website di notizie d’arte e cultura.

Lettura di un’opera: I coniugi Arnolfini di Jan van Eyck

Considerato uno dei capolavori dell'artista fiammingo, "Ritratto dei Coniugi Arnolfini" è un dipinto olio su tavola (81,80×59,40 cm), realizzato da Jan Van Eyck nel...

I bambini nell’Arte: 5 dipinti famosi da ammirare

Nella Storia dell'Arte, la rappresentazione dei bambini è sempre stato un tema molto caro per gli artisti. La loro spontaneità e naturalezza è stata...

Come il Coronavirus ha cambiato il modo di fruire l’Arte

Alcune riflessioni per indagare come l'arrivo del Coronavirus abbia cambiato - e continua a cambiare - la fruizione delle opere d'Arte. Il dibattito è...

Il manifesto del Futurismo di Filippo Tommaso Marinetti

Era il 20 febbraio 1909: il manifesto del Futurismo di Filippo Tommaso Marinetti fu pubblicato sul quotidiano francese  "Le Figaro".  Riportiamo qui sotto la traduzione...

Il cane nella storia dell’Arte. 8 opere: da Anubi a Picasso

Cani e Arte Il cane è l’animale più rappresentato nella Storia dell’Arte. La rappresentazione del migliore amico dell’uomo nell’arte ha origini antichissime: lo ritroviamo già...

Gli Artisti nei loro giardini: 3 opere d’Arte nel verde

Oggi vi proponiamo una passeggiata nel verde, alla scoperta di 3 giardini d'artista. A spasso con Kandinsky, Monet e Liebermann. I giardini privati Il giardino privato è sempre...