Il Castello di Losse e il suo “giardino straordinario”

Il castello di Losse, si trova in Francia, a 5 km da Montignac-Lascaux. Un castello rinascimentale che nasce da una fortezza medievale – oggi circondato da bellissimi giardini terrazzati.  Il Castello e i suoi giardini si sviluppano sulla collina che è dominata a ovest da una foresta di 80 ettari (“il Breuil”) proprio sopra il fiume Vézère

Da Fortezza Medievale a Chateau de Plaisance

Proprio sulla cima della valle del Vézère fu costruito – in posizione strategica – una fortezza medievale circondata da mura e profondi fossati difensivi. Fu poi nel 1570-76 che prese corpo il castello così come lo vediamo – che ancora oggi contiene un arredamento eccezionale e mobili del XVI e XVII secolo – a testimonianza dello stile altolocato del suo proprietario. La fortezza fu così sostituita da un elegante Chateau de Plaisance costruito in stile Rinascimentale. Ma quello che oggi ancora cattura l’attenzione del visitatore (oltre agli straordinari arredi) sono i suoi giardini.

I giardini del Castello: un po’ di Storia

Sappiamo che i giardini esistevano a sud del castello, sulla terrazza della Vézère. Questa informazione ci è data da un documento redatto nel 1696 da ingegneri incaricati di aumentare il corso del fiume Vézère. Il documento ha dato la conferma anche che l’acqua delimitava le mura. Anche per il “giardino nei muri” abbiamo una testimonianza storica scritta. Un inventario risalente al 1602 commissionato dalla moglie di Giovanni III di Losse, fu rinvenuto nel retro del castello di Rastignac nella Biblioteca Nazionale. Questo documento elenca e descrive gli edifici, lasciando quindi ben dedurre che ci fosse un giardino nel quadrilatero circondato dal muro. I giardini inferiori invece sono stati realizzati a terrazze e ideati per essere ammirati dall’alto.

Un “giardino straordinario”

L’ elegante giardino – ed il castello-  sono stati classificati dal Ministero della Cultura – come “Monument Historique”, – ossia monumento storico – e dal 2004 è stato designato del titologiardino straordinario“. E proprio addentrandoci nel giardino che ne scopriamo la sua bellezza. Il sentiero ombreggiato e profumato del pergolato, molto in voga nel 17 ° secolo, conduce a una passerella delimitata da merlature le cui pareti sono coperte di rose. Una piccola scala dà accesso al giardino basso. Nel grande parterre, incantano i profumi: dalla lavanda al rosmarino. Non poteva qui mancare l’elemento “acqua” costituito dal piccolo canale della fontana di Apollo e Venere che scorre tra i topiaries di varie specie. Una bella sorpresa è data dal “giardino nodo” che si trova sulle terrazze.  La passeggiata può poi essere piacevolmente prolungata, a nord del castello, nel parco lungo il fiume.

Informazioni Utili:

Il castello e i giardini sono aperti tutti i giorni dal 1 ° maggio al 30 settembre.

Maggio, giugno, settembre: 12:00 – 18:00
Luglio – Agosto: dalle 11.00 alle 18.00

Château de Losse
24290 THONAC
Tél : 05 53 50 80 08  –  E-mail : chateaudelosse24@yahoo.fr

Si ringrazia le Château de Losse per averci concesso l’uso delle foto per questo articolo. Photo Credit: @Château de Losse

Rebecca Pedrazzi
Classe 1982, laureata in Storia e Critica dell’Arte presso l’Università degli Studi di Milano con la tesi “Il Mercato dell’Arte nel decennio 1998-2008”. Dopo la laurea viaggia in Europa e si trasferisce a Londra. Rientrata a Milano, la sua città natale, lavora come Art-Advisor e commerciale nel settore Luxory. Ha collaborato con diverse testate, online e cartacee, con articoli di approfondimento sull’arte. Dopo aver conseguito il patentino da giornalista pubblicista, fonda nel 2017 NotiziArte, website di notizie d’arte e cultura.

Lettura di un’opera: I coniugi Arnolfini di Jan van Eyck

Considerato uno dei capolavori dell'artista fiammingo, "Ritratto dei Coniugi Arnolfini" è un dipinto olio su tavola (81,80×59,40 cm), realizzato da Jan Van Eyck nel...

I bambini nell’Arte: 5 dipinti famosi da ammirare

Nella Storia dell'Arte, la rappresentazione dei bambini è sempre stato un tema molto caro per gli artisti. La loro spontaneità e naturalezza è stata...

Come il Coronavirus ha cambiato il modo di fruire l’Arte

Alcune riflessioni per indagare come l'arrivo del Coronavirus abbia cambiato - e continua a cambiare - la fruizione delle opere d'Arte. Il dibattito è...

Il manifesto del Futurismo di Filippo Tommaso Marinetti

Era il 20 febbraio 1909: il manifesto del Futurismo di Filippo Tommaso Marinetti fu pubblicato sul quotidiano francese  "Le Figaro".  Riportiamo qui sotto la traduzione...

Il cane nella storia dell’Arte. 8 opere: da Anubi a Picasso

Cani e Arte Il cane è l’animale più rappresentato nella Storia dell’Arte. La rappresentazione del migliore amico dell’uomo nell’arte ha origini antichissime: lo ritroviamo già...

Gli Artisti nei loro giardini: 3 opere d’Arte nel verde

Oggi vi proponiamo una passeggiata nel verde, alla scoperta di 3 giardini d'artista. A spasso con Kandinsky, Monet e Liebermann. I giardini privati Il giardino privato è sempre...