Alla Scoperta del Parco di Villa Durazzo Pallavicini a Pegli

Uno dei Parchi più belli d’Italia: ecco il Parco di Villa Durazzo Pallavicini in Liguria con un percorso di visita diviso in atti – tra natura ed architetture simboliche.

Parco di Villa Durazzo Pallavicini: Cenni Storici

Questo splendido parco è un perfetto esempio di giardino romantico ottocentesco ed è stato progettato dall’architetto e scenografo Michele Canzio. Inaugurato nel 1846, il parco è organizzato secondo un preciso percorso narrativo diviso in tre atti, ricco di suggestioni e significati simbolici. Fu il Marchese Ignazio Alessandro Pallavicini, nipote della marchesa Clelia Durazzo, a volere e commissionare la realizzazione della splendida villa in stile neoclassico e del parco. Il complesso Villa-Parco divenne presto un’attrazione cittadina. Fu passata in eredità alla figlia Teresa (moglie di Marcello Durazzo) e poi al nipote Giacomo Filippo Durazzo Pallavicini. La Villa fu poi donata al Comune di Genova nel 1928 con il vincolo che il parco restasse aperto al pubblico. La costruzione di una galleria autostradale negli anni ’60 portò gravi danni al giardino causandone così la chiusura. Il parco fu riaperto al pubblico nel 1992 – ma i lavori di restauro si protrassero fino al 2016. Ritornato al suo splendore, è stato insignito del titolo “Parco più bello d’Italia” nel 2017 – http://www.ilparcopiubello.it

L’organizzazione teatrale della Visita

Il Parco-Giardino di Villa Durazzo Pallavicini si estende per 8 ettari e il suo percorso è stato sapientemente e magistralmente organizzato per far vivere al visitatore una esperienza paesaggistica e  meditativa. La visita si articola in tre atti, ognuno dei quali è organizzato da quattro scene distinte ricche di significati simbolici. Dal “ritorno alla Natura” alla “Catarsi”, il sentiero del parco ci porterà alla scoperta di laghi, piante rare, architetture neoclassiche e scorci scenografici ideati ad hoc per stupire. Un percorso che cambia di continuo ma mantiene una fil rouge fatto di suggestioni botaniche e ambienti “a sorpresa”. Sul percorso troviamo anche un giardino botanico, il bosco delle camelie (una delle più antiche collezioni di camelie in Italia) – e ancora: piante esotiche, palmeti e molto altro.

Tra Natura ed Esoterismo

Questo percorso – originale e sicuramente molto coinvolgente – ha due interpretazioni. In primis è un suggestivo percorso che tra natura e ambientazione ha come scopo di meravigliare il visitatore. Il cammino attraverso la quiete della natura e le ambientazioni scenografiche conducono a una seconda interpretazione  quella massonica-esoterica. Una catarsi e purificazione dell’anima – che ha il suo culmine nelle grotte poste alla fine del percorso di visita. Ma quale che sia l’interpretazione di questa visita – quello che rimane alla fine di questo percorso – è una sensazione di armonia e stupore. Per maggiori informazioni, visitare il sito ufficiale: http://www.villadurazzopallavicini.com

Photo Credit @ Villa Durazzo Pallavicini – https://www.facebook.com/villadurazzopallavicini/

Claude Monet: The Immersive Experience a Torino

Dal 16 Marzo 2019 al 30 Giugno 2019, la Società Promotrice delle Belle Arti di Torino ospita la mostra multimediale: CLAUDE MONET – The IMMERSIVE EXPERIENCE. The...

Il castello di Mothe Chandeniers: una storia di grandi fasti, abbandono e crowdfounding

Il castello di Mothe Chandeniers si trova in Francia nei pressi della città di Les Trois-Moutiers, nella regione della Nuova Aquitania. Nel corso della sua storia,...

Il Castello di Losse e il suo “giardino straordinario”

Il castello di Losse, si trova in Francia, a 5 km da Montignac-Lascaux. Un castello rinascimentale che nasce da una fortezza medievale - oggi...

I capolavori della Collezione Luigi e Peppino Agrati in mostra alle Gallerie d’Italia

Da mercoledì 16 maggio a domenica 19 agosto, le sale delle Gallerie d’Italia – Piazza Scala a Milano - ospitano le opere della collezione Luigi...

Da Raffaello. Raffaellino del Colle. La mostra a Urbino a cura di Vittorio Sgarbi

Dal 17 maggio al 13 ottobre, le Sale del Castellare del meraviglioso Palazzo Ducale di Urbino, ospitano la mostra "Da Raffaello. Raffaellino del Colle",...

Il manifesto del Futurismo di Filippo Tommaso Marinetti

Era il 20 febbraio 1909: il manifesto del Futurismo di Filippo Tommaso Marinetti fu pubblicato sul quotidiano francese  "Le Figaro".  Riportiamo qui sotto la traduzione...