Il sole, stella madre del sistema solare, simbolo di energia, potenza, immagine del divino. Nella cultura antica il Sole era concepito come una divinità e attorno ad esso molte civiltà hanno sviluppato il loro culto: dagli Inca agli Aztechi. Anche nella cultura Egizia il ruolo del sole è stato fondamentale: era la divinità più importante e il Faraone era ritenuto essere una divinità in terra – era il figlio del Sole. Il culto del Sole trovò terreno fertile anche nella cultura Greca e Romana: nel l 7 marzo 321, l’imperatore Costantino I istituì che il settimo giorno della settimana, il Dies Solis, diventasse il giorno del riposo. Nella storia dell’Arte, le rappresentazioni del Sole sono infinite – declinato in ogni sua interpretazione: da quella religiosa e mitologica a quella legata al suo espressivo gioco di colore.

Ra e Imentet

Ra e Imentet, dea delle necropoli occidentali dell’Egitto, dipinti nella tomba di Nefertari (QV66), Valle delle Regine.

Andiamo nel mondo degli Egizi con quest’opera eccezionale per incontrare Ra, dio sole di Eliopoli. Ra è una divinità della religione dell’antico Egitto dalla V dinastia (2510 a.C. – 2350 a.C.) che veniva identificato con il sole. Ra è stato rappresentato nelle opere a noi giunte in diversi modi ma il più comune è sicuramente quella dove figura come un uomo con la testa di falco e un disco solare sulla testa con un serpente che ne delinea i bordi. In quest’opera vediamo insieme anche Imentet o Amentit, rappresentazione divina della necropoli.

Offerta
Mitologia e dei dell'antico egitto
  • Dall'agnola massimo (Author)

Il carro di Trundholm

Il Carro del Sole, datato 1450 ac

La Mitologia norrena è legata al sole – inteso come divinità da adorare. Troviamo infatti la dea del sole – Sól – che guida qui il carro. Il disco misura 25 cm di diametro è in bronzo e da un lato è adornato da una patina dorata come vuole la tradizione. Secondo questa credenza il sole veniva trasportato nel cielo da Est a Ovest durante il giorno – illuminando la Terra – mentre di notte il viaggio continuava in senso inverso, mostrando alla Terra il suo lato oscuro.

La Creazione degli astri e delle piante, Michelangelo

Michelangelo - Creazione del Sole e degli Astri
Creazione degli astri e delle piante, Michelangelo Buonarroti, affresco, databile al 1511-1512 circa e facente parte della decorazione della volta della Cappella Sistina, Musei Vaticani, Roma

Creazione degli astri e delle piante è un capolavoro di Michelangelo che rientra nel ciclo di decorazioni della volta della Cappella Sistina, nei Musei Vaticani a Roma. Commissionata da Giulio II, gli affreschi della Sistina sono opere senza tempo. Qui vediamo raffigurato il Dio creatore qui raffigurato dal Buonarroti come un uomo anziano con capelli e una folta barba grigi (ricordiamo che nella Bibbia non c’è nessuna descrizione fisica di Dio). L’Onnipotente sta creando il mondo – e questa tensione e forza è quasi palpabile: con l’indice della mano destra dà vita al sole mentre con la sinistra crea alle sue spalle la luna. Un capolavoro eccelso.

Offerta

Impression, soleil levant, Claude Monet

Claude Monet, Impressione, levar del sole (1872); olio su tela, 48×63 cm, Musée Marmottan Monet, Parigi
Claude Monet, Impressione, levar del sole (1872); olio su tela, 48×63 cm, Musée Marmottan Monet, Parigi

“Ho avuto il solo merito di aver dipinto direttamente di fronte alla natura, cercando di rendere le mie impressioni davanti agli effetti più fuggevoli, e sono desolato di essere stato la causa del nome dato a un gruppo, la maggior parte del quale non aveva nulla di impressionista.” C. Monet

“Impression, soleil levant” del Maestro Claude Monet è uno dei dipinti più famosi della storia dell’Arte. Un importante motivo di fama e notorietà per l’opera “Impression, soleil levant” è quella di aver dato ufficialmente  il nome al movimento impressionista. Troviamo in questo capolavoro – un sunto stilistico dei principi cardini del movimento impressionista. L’opera fu esposta nel 1874 a Parigi dove incontriamo il critico d’arte Louis Leroy che criticò aspramente questo movimento – quello degli “impressionisti” in grado solo di rifinire opere. Uno dei movimenti più affascinanti della storia dell’Arte aveva trovato il suo nome. Ci incantiamo a vedere ancora oggi questo solo che carico del suo rosso si leva verso l’alto riflettendosi sul mare.

Offerta

Campo di grano con mietitore, Van Gogh

Campo di grano con mietitore. Vincent Van Gogh, 1889

Van Gogh ha saputo realizzare opere incredibili – ma se c’è un colore che è riuscito a declinare in tutte le possibili accezioni è il giallo. Dai papaveri ai campi di grano – Van Gogh ha regalato a questo colore un’espressività senza precedenti. L’opera Campo di grano con mietitore è un’esplosione di luce. Un sole pieno che quasi ci fa sentire il suo calore. Ma non pensiamo ad un quadro invaso di positività. Siamo nel 1889 – l’anno prima della morte di Van Gogh – e il pessimismo invade l’anima e le opere del grande Maestro. Scriveva al fratello Theo: «Io vidi allora quel mietitore, una figura indistinta che combatte contro il demonio […] vidi in lui l’immagine della morte, nel senso che l’umanità era il grano che egli stava mietendo. È, se vuoi, l’opposto del seminatore che ho dipinto tempo fa».

Offerta
Van Gogh. Tutti i dipinti
  • Metzger, Rainer (Author)

Iscriviti alla nostra newsletter gratuita
Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti sul mondo dell'arte