Il nuovo percorso tattile per ipovedenti alle Galleria dell’Accademia di Firenze
Il nuovo percorso tattile per ipovedenti alle Galleria dell’Accademia di Firenze

Galleria dell’Accademia di Firenze – sabato 3 dicembre 2022 – Giornata internazionale delle persone con disabilità

–> il nuovo percorso tattile per ipovedenti

Sabato 3 dicembre è la Giornata internazionale delle persone con disabilità, data proclamata dall’Organizzazione delle Nazioni Unite nel 1981. La Galleria dell’Accademia di Firenze, grazie al suo direttore Cecilie Hollberg, negli ultimi anni si è impegnata per rendere completamente accessibile il museo alle persone con disabilità, in conformità con le direttive del MiC – Ministero della Cultura. Un’iniziativa che ha l’obiettivo di stimolare il dibattito pubblico sul tema del diritto universale alla cultura.

Proprio per l’occasione di questa ricorrenza, la Galleria ha messo a punto un percorso tattile per ipovedenti e non vedenti con la riproduzione 3D in vetroresina di una selezione di opere, tra le più significative, conservate nelle diverse collezioni, e posizionate davanti o in prossimità degli originali, come: nelle sale del Duecento e del Trecento, la formella di Taddeo Gaddi, raffigurante la Crocefissione  e due scene tratte da L’Albero della Vita di Pacino di Bonaguida; mentre nella Sala del Colosso, la Madonna col Bambino e san Giovannino con due angeli, dipinto attribuito a Botticelli, e un particolare della Danza in una festa nuziale, raffigurata sul Cassone Adimari, capolavoro indiscusso di Giovanni Di Ser Giovanni, detto Lo Scheggia, entrambe della seconda metà del Quattrocento.

Sono state realizzate didascalie in Braille composte da indicazione autore, titolo dell’opera, tecnica e anno, sia in italiano che in inglese, oltre all’indicazione del numero dell’audioguida corrispondente. Inoltre, tenendo presenti le necessità delle persone ipovedenti, le nuove didascalie della Sala del Colosso e della Gipsoteca, scritte con un carattere ben leggibile per tipologia, dimensioni e contrasto, illuminate dal nuovo sistema a led, sono state collocate ad un’altezza facilmente visibile anche quando il museo è affollato.

Il progetto è stato attuato grazie alla convenzione in atto dal 2017 con IRIFOR (Istituto per la Ricerca la Formazione e la Riabilitazione), con il Liceo Artistico Alberti e con l’Università degli Studi di Firenze.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui