Colección SOLO - TRIBE - CITY, 2022 Detail / Detalle
Colección SOLO - TRIBE - CITY, 2022 Detail / Detalle

Colección SOLO accende i fari sulla digital art di SMACK (e ci fa riflettere)

Il comportamento di massa, l’egemonia delle verità collettive e la nostra percezione di noi stessi sono messi sotto una lente di un microscopio in Tribe, l’ultimo progetto del collettivo artistico olandese SMACK, presentato questa settimana a Madrid nello spazio Colección SOLO.
Tre opere digitali — Tribe City, Tribe War e Tribe Tower — costituiscono la spina dorsale di un ampio progetto che riunisce circa 300 personaggi e comprende sia i media digitali che i formati fisici, come la scultura. Il celebre trio di artisti ha presentato il suo nuovo progetto alla Colección SOLO (Madrid) mentre uno dei pezzi della proposta artistica, Tribe Tower, sarà presentato in esclusiva alla riapertura del museo Evoluon di Eindhoven il prossimo settembre.

Il collettivo olandese SMACK utilizza la programmazione di videogiochi per confrontare il nostro comportamento di gruppo e mostrare l’egemonia delle verità collettive di fronte alla nostra capacità di dubitare

TRIBE GOLDEN CIRCLE CHARACTERS, 2022. Exhibition view/vista expositiva
TRIBE GOLDEN CIRCLE CHARACTERS, 2022. Exhibition view/vista expositiva

Esseri ibridi -metà fotocamera, metà gorilla-, tute PPE trasformate in articoli di moda e teste di bambini con piccole gambe che combattono bestie, sono alcuni dei personaggi che esistono in Tribe. Centinaia di esseri ed elementi onirici e distopici abitano le opere digitali e autonome che fanno parte di questo progetto. “È un ritratto delle masse”, riassumono gli artisti, il cui fascino per le dinamiche di gruppo, i fenomeni tecnologici e l’ego si esprime in Tribe con una selezione eclettica di individui che danno vita ad atteggiamenti sociali profondamente riconoscibili. Il comportamento collettivo e la manipolazione sono temi ricorrenti nel lavoro di SMACK, che spesso utilizza riferimenti visivi popolari e un’estetica spensierata per presentarci un riflesso scomodo di chi siamo.

TRIBE – WAR, 2022 Exhibition view/vista expositiva

Video come Kapitaal (2006), Transparency Suit (2010) e Branded Dreams (2015) hanno affrontato l’onnipresenza dei marchi commerciali nelle nostre società. Witch Doctor (2015), pezzo realizzato per il gruppo rock De Staat, anticipava, dal canto suo, l’interesse per i comportamenti di gruppo sviluppato in maniera più approfondita in Tribe. Queste domande sono state al centro della prima mostra personale di SMACK, Dreaming of Mass Behavior (2017).

L’opera SPECULUM (2019), invece, rappresenta un’interpretazione contemporanea de Il giardino delle delizie di Bosch – e ne abbiamo parlato in un articolo dedicato. Il trittico digitale pone lo spettatore di fronte a uno specchio grezzo del nostro tempo. L’opera presenta un ambiente popolato da individui solitari ossessionati da immagini, tecnologie invasive e icone della cultura popolare contemporanea. Il lavoro è stato esposto a Londra, Seoul e Rotterdam, tra le altre città. È stato anche visitato da più di 90.000 persone al Matadero Madrid nella mostra al Giardino delle delizie attraverso le opere di Colección SOLO.
TRIBE - CITY, 2022 Exhibition view/vista expositiva
TRIBE – CITY, 2022 Exhibition view/vista expositiva

Tribù: il potere del gruppo davanti allo specchio

Per Tribe, SMACK ha sviluppato una popolazione di circa 300 personaggi animati digitalmente, che vanno da periscopi ambulanti e insetti con la svastica, a aristocratici con più teste e macho muscolosi. Ciascuno consente variazioni nella trama e nel colore, consentendo agli artisti di distribuire versioni personalizzate in diversi scenari tra cui Tribe City e Tribe War, mentre i singoli ritratti sono riuniti in raccolte come Tribe: Golden Characters.
Molti di questi personaggi sono stati sviluppati durante la pandemia di Covid e riflettono i tropi comportamentali associati a questo periodo. “Le persone vivevano nelle proprie bolle di sicurezza”, spiega Ton Meijdam. “Molti indossano tute perché hanno paura di interagire con altre persone”, mentre altri stanno camminando disinfettanti per le mani, prodotti per la pulizia dei robot e medici supereroi.
Vari personaggi sono i preferiti ricorrenti, già presenti in SPECULUM. Questi includono una testa sovradimensionata con gambe robotiche e la versione aggiornata di SMACK della Venere di Willendorf, creata fondendo le immagini della figura della fertilità del Paleolitico con filmati di Kim Kardashian. Quello che hanno in comune, dice Meijdam, è un ego gonfiato: “Portano questo messaggio che dice: “Guardami! Sono molto importante”.
TRIBE - CITY, 2022 Exhibition view/vista expositiva
TRIBE – CITY, 2022 Exhibition view/vista expositiva

Tribe City: programmato per seguire la folla

Tribe City è un video di 7 minuti e 27 secondi in cui i personaggi della Tribù di SMACK popolano un paesaggio grigio dominato da un pilastro centrale. Sviluppato come opera generativa all’interno di un motore di gioco, Tribe City è costituito da personaggi programmati individualmente, che reagiscono tra loro secondo parametri stabiliti.
I membri della folla inizialmente si evitano a vicenda, quindi scelgono di andare in giro e poi adorare il totem, prima di andare nel panico e scappare.
Fat Tube Guy 2b -TRIBE GOLDEN CIRCLE CHARACTERS, 2022. Video (3D Modeling)
Fat Tube Guy 2b -TRIBE GOLDEN CIRCLE CHARACTERS, 2022. Video (3D Modeling)

Il pulsante centrale e le guardie robot sollevano interrogativi sull’autonomia dei personaggi, mentre improvvisi cambi di ritmo sembrano riflettere la natura inaspettata e spesso esplosiva del comportamento di gruppo. La processione circolare della folla, nel frattempo, è vista da SMACK come una metafora della cultura del gregge e si basa sulle precedenti iterazioni di Witch Doctor (2015) e sulla scena centrale di SPECULUM (Paradise, 2016).

Hazmat Gold -TRIBE GOLDEN CIRCLE CHARACTERS, 2022. Video (3D Modeling)
Hazmat Gold -TRIBE GOLDEN CIRCLE CHARACTERS, 2022. Video (3D Modeling)

Tribe War: un ciclo senza fine di conflitto

Il secondo lavoro del progetto Tribe di SMACK è un pezzo dal vivo e generativo che riflette sulle guerre culturali, l’egemonia delle verità condivise e la nostra incapacità di dubitare delle nostre certezze e di comprendere gli altri.
In Tribe War, personaggi di diversi colori combattono per occupare lo spazio centrale su un semplice schermo blu, una chiara illustrazione animata delle attuali guerre culturali a cui gli artisti vogliono farci pensare. “Le rappresentazioni classiche tendono ad essere guerre tra paesi o basate sulla religione”, dice Meijdam, “ma c’è questo nuovo tipo di guerra civile che sta emergendo online in cui le persone sono immerse nelle loro sottoculture e tutti pensano che la loro piccola tribù delle bolle sia l’unica verità c’è.”
Colección SOLO - TRIBE - WAR, 2022 Detail / Detalle
TRIBE – WAR, 2022 Detail / Detalle

Per riflettere questo, i personaggi di Tribe War sono programmati per combattere esclusivamente in base al loro colore, reagendo automaticamente contro le loro controparti di una tonalità diversa. L’assurdità di questo conflitto è sottolineata dall’ambientazione vuota, dalle figure da cartone animato e dai toni accesi, mentre la natura infinita dell’opera riflette la permanenza della violenza. “Penso che il potere del pezzo sia che si tratta del comportamento umano universale”, afferma Bela Zsigmond. “È una guerra infinita e non impariamo mai da essa. Questo è uno specchio doloroso per noi come esseri umani”.

Colección SOLO
TRIBE – WAR, 2022 Exhibition view/vista expositiva

Tribe Tower: felice di essere incarcerato

In parte Torre di Babele, in parte Panopticon, Tribe Tower è il terzo scenario del progetto Tribe di SMACK e attualmente in corso. Sarà presentato a settembre come parte della mostra inaugurale al rinnovato Evoluon di Eindhoven (Paesi Bassi). Questo lavoro vede personaggi incolori abitare una struttura a più piani che ricorda un palazzo di uffici o un centro commerciale, quindi impegnarsi in attività ripetitive in un ciclo infinito. Ispirandosi agli scritti del filosofo francese Michel Foucault, Tribe Tower affronta la sorveglianza, il controllo e la scelta.

Colección SOLO & il progetto Tribe

Il progetto Tribe, che comprenderà più opere nel tempo, è composto da diverse serie digitali, sculture e stampe. Fino a dicembre, la Colección SOLO (Madrid) esporrà la serie Tribe Golden Characters e la scultura King. Golden Characters include sette personaggi mostrati su uno sfondo morbido e in qualche modo ispirato al Rinascimento. I personaggi della serie Golden fanno parte di Tribe NFT Characters, un asse del progetto, presentato nel 2021, che riunisce diverse decine di personaggi in una serie di singole proposte digitali.
Con la loro pelle brillantemente dorata, i personaggi si muovono individualmente verso un orizzonte sconosciuto, evidenziando l’idea delle società composte da solitari iperconnessi che questi artisti di solito esplorano. King, una riproduzione in bronzo di uno dei 300 personaggi che abitano l’universo di Tribe, mette in evidenza l’interesse degli artisti a spostare il loro universo digitale nell’ambiente digitale.

Who’s WHO

 SMACK

SMACK è una collaborazione tra Ton Meijdam (Geldermalsen, Paesi Bassi, 1973), Thom Snels (Tilburg, Paesi Bassi, 1978) e Béla Zsigmond (Budapest, Ungheria, 1975). Tutti e tre hanno studiato alla St. Joost School of Art & Design (AKV) e hanno iniziato a lavorare insieme nel 2005. Le loro animazioni perspicaci hanno vinto numerosi premi, tra cui l’Amsterdam Film Experience, gli European Design Awards e gli UK Music Video Awards.
SMACK è stato oggetto di una mostra personale intitolata Dreaming of Mass Behaviour tenutasi a Breda nel 2017, e il trio ha esposto, tra gli altri, alla Colnaghi Gallery London, KIAF Seoul e al Digital Art Center di Rotterdam. Il loro lavoro è stato presentato in numerosi festival, tra cui Holland Animation Festival, Bogotá Short Film Festival e MMMad Madrid, mentre l’installazione di 21 metri di SPECULUM per The Garden of Earthly Delights Through the Artworks of Colección SOLO al Matadero Madrid (2021-2022) è stata visto da oltre 90.000 visitatori.

Certeza

Certeza è la mostra temporanea in mostra all’Espacio SOLO, il museo della Colección SOLO, fino alla fine del 2022. Il percorso espositivo riunisce più di una dozzina di artisti internazionali, il cui lavoro interroga ciò che ci circonda. La mostra include opere di Amoako Boafo, Alex Hug, filip custic, Chino Moya, SMACK, Nick Cave, Koka Nikoladze e Botto, tra gli altri.
La narrazione costituita dalle opere in mostra solleva questioni universali da una gamma di prospettive e media, come la pittura, la video-arte, l’installazione, la scultura, il disegno, l’arte generativa, l’arte dell’IA e il fenomeno NFT.
Certeza, visitabile attraverso visite guidate gratuite allo spazio Colección SOLO (Plaza de la Independencia, 5), include un podcast in inglese e spagnolo sullo spettacolo, a cura di El Extraordinario. La serie sonora accompagna la mostra attraverso episodi mensili e può essere goduta in aggiunta alla visita o come narrazione indipendente.

Colección SOLO

Colección SOLO è un progetto internazionale che cerca di sostenere e accompagnare il lavoro creativo contemporaneo. Promuove la creatività in diversi modi e ha sede presso l’Espacio SOLO, un museo situato nella Puerta de Alcalá a Madrid, dove espone la sua collezione attraverso diverse mostre temporanee.
Disegnato da Juan Herreros, l’Espacio SOLO ha ricevuto il premio COAM 2018. Le visite sono gratuite e guidate, previa registrazione sul sito www.coleccionsolo.com

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui