Era il 6 aprile 1520: Raffaello muore a soli 37 anni, nel giorno di Venerdì Santo. A distanza di oltre cinquecento anni dalla prematura scomparsa di Raffaello Sanzio la morte dell’artista resta ancora avvolta nel mistero ed è fonte inesauribile di interrogativi per gli studiosi di varie discipline. Secondo Giorgio Vasari la morte sopraggiunse dopo quindici lunghi giorni di malattia, che iniziarono con una febbre “continua e acuta”, causata da “eccessi amorosi”, e inutilmente curata con ripetuti salassi. É una storia vera oppure dietro alla sua morte, si celano il rancore, l’animosità e l’invidia dei suoi rivali?

Enigma Raffaello libro

Il libro è stato presentato mercoledì 1 dicembre in Aula magna del palazzo del Rettorato, ed è il risultato di un progetto congiunto nato da un accordo di collaborazione nel 2019 tra diverse importanti istituzioni: Sapienza Università di Roma, i Musei Vaticani, la Pontificia Accademia dei Virtuosi al Pantheon e l’Accademia di Belle Arti di Roma. Trovate qui il link YouTube per approfondimenti.

Il volume Enigma Raffaello raccoglie una serie di riflessioni transdisciplinari, proposte sia da studiosi del campo storico-artistico sia del settore scientifico-medico. I contributi analizzano più criticamente la personalità dell’artista e la cerchia dei suoi potenziali nemici; indagano i passaggi architettonici che, nel corso dei secoli, hanno interessato il luogo di sepoltura prescelto, la Cappella della Madonna del Sasso; passano in rassegna le cronache legate all’apertura della presunta tomba dell’artista nel 1833; sino ad arrivare alla ricostruzione del suo volto attraverso le nuove tecnologie dell’antropologia forense. Infine, affrontano, in prospettiva storico–medica, la morte e i possibili studi paleopatologici applicabili ai resti di Raffaello.

Raffaello Sanzio – Autoritratto (1506 circa), Galleria degli Uffizi, Firenze –

Il libro mette in fila tutta una serie di elementi, documenti ed expertise per dare un nuovo risvolto alle ricerche e ai quesiti sull’esistenza e sulla fine di uno degli artisti più celebrati della storia. La pubblicazione Enigma Raffaello, a cura di Pio Baldi e Alice Militello, è il risultato di un progetto congiunto nato da un accordo di collaborazione nel 2019 tra diverse istituzioni: la Sapienza Università di Roma, i Musei Vaticani, la Pontificia Accademia dei Virtuosi al Pantheon e l’Accademia di Belle Arti di Roma. Il volume è stato realizzato con il contributo del Comitato Nazionale per le Celebrazioni dei 500 anni dalla morte di Raffaello Sanzio del Ministero della Cultura(MiC).