La Mousmé di Vincent van Gogh battuto per oltre 10 milioni di dollari

L’asta del 1° marzo di Christie’s Londra “A Family Collection: Works on Paper, Van Gogh to Freud” è stata particolarmente interessante. Trai i lotti più attesi c’era uno splendido disegno di Vincent van Gogh del 1888 -La Mousmé – che è stato battuto per 10,4 milioni di dollari. La Mousmé, eseguito negli ultimi anni di vita dell’artista, era stato acquistato nel 1943 dallo Stedelijk Museum di Amsterdam. Negli anni ’50 ‘l’opera è stata restituita agli eredi dei proprietari ( Kurt e Henriette H. Hirschland di origine ebrea, perseguiti durante la Guerra). Prima di finire in asta il dipinto era stato nella collezione londinese di Thomas Gibson.

vincent van gogh asta
VINCENT VAN GOGH (1853-1890) La Mousmé signed ‘Vincent’ (lower left) reed pen and brown ink over pencil on paper 12 ½ x 9 ½ in. (31.3 x 23.9 cm.) Executed in Arles circa 31 July – 3 August 1888

Le informazioni sul catalogo di Christie’s

Andiamo a leggere l’interessante storia del disegno La Mousmé sul catalogo online di Christie’s (qui tradotta in italiano)

Verso la fine di giugno 1888, il raccolto ad Arles fu improvvisamente ridotto dalle piogge torrenziali. Vincent van Gogh, che era stato assorbito in un’intensa campagna pittorica con focus sui panorami dei campi di grano dorato, tra cui il famoso Le Semeur (La Faille, n. 422, Museo Kröller-Müller, Otterlo), fu improvvisamente confinato nel suo studio nella Casa Gialla. Di conseguenza, si rivolse alla “figura” come ispirazione, dipingendo due oli e un disegno di un soldato franco-algerino, noto come Zouave (La Faille, n. 423, 424, 1443). Entro la fine della settimana, mentre la pioggia si riversava ancora, si convertì, “la figura mi interessa molto più del paesaggio”, scrisse a suo fratello, Theo.

Offerta
Lettere a Theo
  • Van Gogh, Vincent (Author)

Circa un mese dopo, Van Gogh si imbarcò in un nuovo ritratto, questa volta dipingendo una giovane ragazza provenzale dai capelli scuri maestosamente in bilico in un vivido corpetto a strisce rosse e viola con una gonna maculata, un ramo di oleandro in mano. La Mousmé (La Faille, n. 431; 1888, National Gallery of Art, Washington, D.C.) come questo dipinto è noto, fu la seconda figura principale che l’artista dipinse ad Arles, e fu a questa importante opera che l’artista tornò rapidamente quando eseguì La Mousmé poco dopo.

Capolavoro su carta

Appartenente a un piccolo gruppo di disegni che l’artista ha creato dopo i dipinti durante questa estate, tra cui Le Zouave (La Faille, n. 1482a) del Guggenheim e Joseph Roulin del Getty Museum (La Faille, n. 1458), La Mousmé si colloca tra le più grandi opere su carta della carriera dell’artista. Tecnicamente innovativo con una gamma sorprendentemente diversificata e percettiva di tratti, linee e punti, questo ritratto cattura l’essenza stessa del suo sitter; la sua giovinezza pura, delicata e bellezza resa eterea e senza tempo. Incapsulando le varie preoccupazioni dell’arte di Van Gogh in questo momento decisivo della sua carriera – la sua ricerca del ritratto moderno, la sua ricerca di realizzare l’influenza di Japonisme, oltre a sviluppare la sua produzione grafica – questo squisito ritratto è stato, ha scritto, insieme agli altri ritratti che aveva recentemente creato, “l’unica cosa … che mi commuove profondamente e che mi dà un senso dell’infinito. Più del resto» (Lettera 652, ibid., p. 204).

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui