Top 200 Collectors

Come ogni anno, ecco la classifica annuale di ARTnews dei Top 200 Collectors più influenti al mondo. Quali sono i protagonisti del mondo dell’Arte? Di questa lista di 200 collezionisti 89 sono negli Stati Uniti, 15 Cinesi e 14 Inglesi. L’Italia è presente in questa classifica con tre nomi: la famiglia Maramotti al 107° posto, l’imprenditrice Miuccia Prada al 139° e Patrizia Sandretto Re Rebaudengo al 146°.

C’è un vecchio detto sulla ricerca di uno sconto su un’opera d’arte in vendita durante un periodo di crisi: lo sconto è che puoi comprarla. Artnews 

TOP 5

Vediamo quali sono i TOP 5 di questa classifica dei Top 200 Collectors. Al primo posto troviamo. Al primo posto troviamo Roman Abramovich che con un patrimonio netto stimato di circa $ 12,3 miliardi nel 2020, è il collezionista d’arte più attivo al mondo. Seguono al secondo e terzo posto, rispettivamente: l’indonesiano Haryanto Adikoesoemo presidente di AKR e la coppia californiana Laura Arrillaga- Andreessen e Marc Andreessen. Al quarto posto troviamo il re francese delle Luxury goods (LVMH) Bernard Arnault e sua moglie Hélène. Quinti invece Laura e John Arnold.

Pandemia e mercato dell’Arte

Quanto ha inciso la pandemia sull’andamento del mercato dell’arte? Sicuramente molto. Alcune istituzioni hanno iniziato a vendere le opere delle loro collezioni per far fronte alla crisi economica dilagante. Ma alcuni TOP Collectors hanno persino trovato un risvolto positivo nell’essere bloccati a casa, trovando più tempo da dedicare all’acquisizione di nuove opere d’arte.

SOTHEBY’S SPECIALISTS MANAGE PHONE BIDS DURING THE EVENING’S CONTEMPORARY AND IMPRESSIONIST & MODERN ART AUCTION

Le restrizioni di viaggio ad esempio hanno permesso a Karen e Christian Boros, a Berlino, di concentrare l’attenzione sulla scena artistica locale. “È diventato chiaro che c’è così tanto da vedere e scoprire che spesso non ci prendiamo il tempo di impegnarci”, hanno detto. “L’arte è comunicazione, scambio. L’arte è vivace e sociale. “A giugno, tre mesi dopo la chiusura della pandemia, è arrivata la notizia che Kenneth C. Griffin aveva pagato più di $ 100 milioni per il dipinto di Jean-Michel Basquiat del 1982 di Peter M. Brant Boy. Il contagio e il suo impatto economico non sembravano aver inciso molto sui prezzi di vendita dei Masterpieces: le aste importanti delle grandi case d’asta continuano nella loro versione online e streaming e molti sono le opere che sono state battute a cifre molto importanti.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui