Gibellina. Il Grande Cretto di Burri, o Cretto di Gibellina, è un’opera di Land-Art che ti prende il cuore. È un’opera colossale che racconta una storia e che porta nelle sue radici la memoria di qualcosa che è stato distrutto. Il Grande Cretto, con la sua superficie di 8000 metri quadrati, è una delle più grandi opere di arte contemporanea al mondo. Realizzato da Alberto Burri tra il 1984 e il 1989 dove un tempo sorgeva la città vecchia di Gibellina.

The Cretto di Burri of Gibellina, by Gabriel Valentini - general view - by Wikipedia
The Cretto di Burri of Gibellina, by Gabriel Valentini – general view – by Wikipedia

Gibellina: dalla cenere alla Land Art

La città di Gibellina è stata distrutta da un terremoto nel 1968 e ricostruita in seguito su un nuovo territorio. La storia di questo tragico sisma è racchiusa in uno dei più monumentali interventi artistici sul territorio. Dalle ceneri nasce l’arte: la Land Art di Alberto Burri, con il suo Grande Cretto ha preso l’anima di una città distrutta e ne ha creata una colossale opere d’arte. Il Grande Cretto riprendere formalmente la tipologia dei Cretti realizzati dall’artista negli anni Settanta – in scala ovviamente monumentale. Il risultato è uno straordinario labirinto formato da ventitue cubi di cemento bianco. Uno spettacolo da guardare e “da percorrere”.

La storia del Grande Cretto

Lo stesso Alberto Burri ci racconta la genesi del suo Grande Cretto: «Andammo a Gibellina con l’architetto Zanmatti, il quale era stato incaricato dal sindaco di occuparsi della cosa. Quando andai a visitare il posto, in Sicilia, il paese nuovo era stato quasi ultimato ed era pieno di opere. Qui non ci faccio niente di sicuro, dissi subito, andiamo a vedere dove sorgeva il vecchio paese. Era quasi a venti chilometri. Ne rimasi veramente colpito. Mi veniva quasi da piangere e subito mi venne l’idea: ecco, io qui sento che potrei fare qualcosa. Io farei così: compattiamo le macerie che tanto sono un problema per tutti, le armiamo per bene, e con il cemento facciamo un immenso cretto bianco, così che resti perenne ricordo di quest’avvenimento

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui