ART CONSULTING GOES DIGITAL

In questo periodo storico, con i luoghi d’arte chiusi al pubblico, abbiamo potuto vedere come il digitale si sia rivelato una grande risorsa da sfruttare e implementare. I tour virtuali delle mostre, le opere consultabili in formati che vanno sempre oltre l’HD, ci hanno permesso di accedere – sicuramente in un modus diverso – all’arte. Le Gallerie d’Arte, dalla parte del privato, si sono ritrovate come le grandi istituzioni pubbliche, a dover far fronte all‘inaccessibilità fisica che questi mesi è stata imposta. 

Dalle fiere d’arte alle aste, dalle gallerie private alle manifestazioni artistiche: la loro attenzione si è volta verso l’utilizzo del Digital – ne è un esempio la creazione di gallerie virtuali con viewing room e chat dirette con artisti, galleristi ed organizzatori.

Nuove frontiere dell’Art Consulting

Il focus sul tema della fruizione digitale è sicuramente “l’esperienza umana” attraverso percorsi virtuali – che permettono in parte di colmare la lacuna fisica che invece ci dà la fruizione dal vivo. Partendo da questo presupposto Vera Canevazzi Art Consulting ha lanciato tre nuovi servizi digitali per poter accedere ad opere e servizi attraverso la realtà aumentata: Augmented Reality Gallery, Augmented Reality Advisory e Augmented Reality Exhibition. Una nuova frontiera volta a proporre al pubblico un format fruibile per la visione di opere di artisti – sia storici che emergenti e di mostre virtuali.

Servizio di Augmented Reality Advisory di Vera Canevazzi Art Consulting, screenshot dal video “Art Consulting goes digital”, video di Francesco Clerici, 2021, opere di Velasco Vitali.
Servizio di Augmented Reality Advisory di Vera Canevazzi Art Consulting, screenshot dal video “Art Consulting goes digital”, video di Francesco Clerici, 2021, opere di Velasco Vitali.

Augmented Reality Gallery: vivi l’arte a casa tua

Il limite del digitale è il luogo e lo spazio che spesso vengono renderizzati per accogliere le opere perdendo così la loro identità di quinta della mostra. La nuova proposta di Vera Cavenazzi Art Consulting punta proprio a ridefinire questo limite. “All’interno della sezione Augmented Reality Gallery saranno periodicamente presentate delle mostre curatoriali, monografiche o collettive, fruibili non in una galleria (reale o virtuale) ma nelle abitazioni di ciascun utente”. Cliccando sull’icona AR dell’opera che più ci piace si crea un codice QR che possiamo inquadrare con il nostro cellulare. In questo modo, attraverso il telefonico, possiamo posizionare l’opera sulla parete di casa ( o dove si preferisce ma preferibilmente una parete libera) e sperimentarne la sua visione nel nostro spazio preferito.

Ten Colombo: le opere dal computer alla parete di casa

La prima esposizione, a cura di Ilaria Bignotti, è dedicata all’artista Riccardo Ten Colombo. Le sue opere del progetto “Cromoblock” si sposano perfettamente con questa fruizione di realtà aumentata digitale. Questi lavori sono composti da tavole magnetiche e forme geometriche che si combinano creando giochi tridimensionali in continua trasformazione: le opere infatti sono aperte all’intervento manuale del fruitore. Per il consumatore finale, si ha la duplice opportunità sia di visitare la mostra selezionando le opere che piacciono per “trasporle” nel proprio privato – sia per il collezionista di avere la possibilità di immaginare dove collocare un’opera d’interesse. Dal 14 gennaio al 14 aprile 2021, la mostra di Riccardo Testa sarà fruibile nella “dimensione” digitale in realtà aumentata.

Augmented Reality Advisory e Augmented Reality Exhibition

Un’evoluzione digitale è sicuramente l’Augmented Reality Advisory: un servizio evoluto nel campo digital che attraverso l’uso degli occhiali HoloLens 2, che sfruttano la tecnologia della realtà mista – permettono al collezionista di avere una visione personalizzata ed immersiva delle opere. Senza il telefonino, direttamente a casa propria (o nello spazio desiderato) con questa versione virtuale il cliente finale può “vedere” collocata le opere d’arte che più gli interessano. Una bella evoluzione nel settore della consulenza di vendita di opere d’arte. Dall’opera all’esposizione di opere d’arte il passo è breve: l’ultimo progetto – non per importanza – è appunto “Augmented Reality Exhibition” destinato a gallerie d’arte, fiere, case d’asta, artisti e musei. Per maggiori informazioni:  www.vera-artconsulting.com

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui